logo

1508, IL PRIMO SPUMANTE SICILIANO DA UVE GRECANICO È DELLE CANTINE PAOLINI

IL NUOVO PRODOTTO SARA’ PRESENTATO AL VINITALY 2018, DOMENICA 15 APRILE ALLE ORE 12.30 PRESSO IL PAD. 2 STAND D 54

CHI È 1508:
Uno spumante brut dalle bollicine “tutte siciliane”, il primo
della Sicilia ad essere prodotto con le uve del vitigno autoctono
Grecanico Dorato. Un vino fresco ed elegante allo stesso

tempo, di bassa gradazione alcolica, dai colori brillanti, molto
profumato. Ideale – in vista della stagione estiva – per una cena
in riva al mare.

Perché il nome 1508?
Il forte legame di Cantine Paolini con la terra dove nascono i
suoi vigneti e con le tradizioni del suo
territorio, traspare anche dai nomi che dà ai vini di sua produzione.
1508, in particolare, è l’anno in cui
l’ordine monastico dei Paolotti avviò la coltivazione delle vigne
negli stessi luoghi dove oggi sorgono alcuni vigneti della
cantina. Il 1508 è inoltre l’anno in cui a Marsala nacque la
prima salina, e con essa quella “cultura del sale” che ancora
oggi rappresenta uno degli aspetti peculiari dell’identità territoriale.

Gaspare Baiata, Presidente di Cantine Paolini, come
nasce il progetto di 1508?
Chi conosce Cantine Paolini sa bene che la nostra cantina
punta ad un’evoluzione continua: intraprendere sempre nuove
sfide che possano farci crescere come realtà vitivinicola è
il tratto più rappresentativo dell’identità di Cantine Paolini.
1508, in particolare, è un progetto a cui lavoriamo da circa
cinque anni, con l’obiettivo di creare un prodotto nuovo nel
mercato, che però continuasse a rispettare quella sicilianità
cui siamo tanto fedeli. Da qui la scelta delle uve di Grecanico
Dorato, vitigno autoctono siciliano, espressione della nostra
terra e del nostro microclima.
Un vitigno che ha fatto anche un po’ la storia della nostra cantina:
il primo vino ad essere imbottigliato in Cantine Paolini
è stato infatti prodotto proprio con uve di Grecanico Dorato,
che è così chiamato dai vignaioli per il suo grappolo composto
da tanti piccoli acini dorati.

Vincenzo Angileri, Direttore Commerciale di Cantine
Paolini, come mai la scelta di passare alle bollicine?

In realtà non si tratta di un cambiamento di rotta nel mercato,
ma della semplice volontà di rendere più
completa la nostra gamma di prodotti. La sicilianità è sempre
la ragione d’essere delle Cantine Paolini,
tanto che 1508 è una vera e propria “bollicina di Sicilia”, prodotta
con uno dei più antichi vitigni autoctoni siciliani.
Abbiamo sempre apprezzato il prodotto spumante, soprattutto
per la sua versatilità, dato che è sia
un prodotto d’aperitivo che a tutto pasto, e abbiamo voluto
crearne uno tutto nostro.
Dalla volontà di coniugare bollicine e sicilianità è venuto fuori
un prodotto di ottima qualità, da servire nei migliori
ristoranti, wine bar, enoteche, e sale banchetti per uno special
event.

Pietro Montalto, enologo delle Cantine Paolini,
perché la scelta del vitigno Grecanico Dorato, e non
di altri vitigni siciliani come il Grillo, il Catarratto o
l’Insolia?
Nei cinque anni in cui abbiamo lavorato al progetto di 1508
abbiamo fatto diverse prove con differenti
vitigni. Alla fine la scelta è ricaduta sul Grecanico Dorato,
perché dalla lavorazione delle sue uve viene fuori
un vino fresco e molto profumato, dal colore giallo paglierino
brillante e dalla bassa gradazione alcolica,
caratteristiche perfette per la produzione di un ottimo
spumante.

Giusi Rizzotto, responsabile Marketing Cantine
Paolini, perché- secondo lei- questo vino sarà
apprezzato anche all’estero?
Le bollicine italiane sono sempre molto apprezzate, e questo
è un prodotto davvero nuovo, molto
particolare, che secondo noi susciterà interesse e attenzione.
Questo Vinitaly sarà il primo banco di prova:
non vediamo l’ora di recepire le considerazioni di chi lo
assaggerà, soprattutto quelle degli importatori
stranieri. I nostri primi tester saranno sicuramente i nostri
“vicini di casa”, ovvero i nostri amici di Malta, e i nostri amici
tedeschi, poiché la Germania rappresenta da sempre uno dei
più importanti mercati stranieri.
Perché la scelta di un’etichetta e di una capsula color
cobalto per 1508?
Il cobalto è per noi di Cantine Paolini il colore dell’anno, è
quello del nostro cielo e del nostro mare, è un colore perfetto
per un vino dell’estate.

 

 

Powered by themekiller.com watchanimeonline.co